Logo EuropaLavoro Unione Europea FSE Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Home Europalavoro
  • Il FSE in Italia
    Il Fondo Sociale Europeo (FSE) è utilizzato per il raggiungimento di due obiettivi fissati a livello comunitario.  
    • Convergenza, per la promozione dell’occupazione e la creazione di nuovi posti di lavoro nelle regioni in ritardo di sviluppo.

    ​Riguarda tutte le regioni dell’Unione Europea con un prodotto interno lordo (PIL) pro capite inferiore al 75% della media comunitaria. In Italia rientrano in questo obiettivo le Regioni Basilicata (a titolo transitorio), Calabria, Campania, Puglia e Sicilia

    • Competitività regionale e occupazione, per favorire la dinamicità del tessuto economico.

    ​​​Riguarda tutte le regioni dell’Unione Europea che non ​rientrano nell'obiettivo   di convergenza.In Italia rientrano in questo obiettivo le Regioni Abruzzo, Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Toscana, Umbria, Valle d’Aosta, Veneto e Sardegna e le Province autonome di Bolzano e Trento

       

      In Italia il FSE finanzia 16 Programmi operativi delle Regioni e Province autonome dell’obiettivo 2 - Competitività Regionale e Occupazione e 5 Programmi operativi delle Regioni dell’obiettivo 1 - Convergenza.  Tali Programmi offrono un ampio ventaglio di opportunità, attraverso interventi per la qualificazione del capitale umano e per un più facile inserimento nel mercato del lavoro (es: corsi di formazione, orientamento al lavoro, interventi per il rafforzamento dei servizi al lavoro, interventi per favorire l’occupazione femminile, interventi per i soggetti svantaggiati, interventi per l’invecchiamento attivo).

       

      Accanto ai Programmi Operativi Regionali (POR), ci sono anche 3 Programmi Operativi Nazionali (PON).

       

      Il Ministero del lavoro e delle politiche sociali, Autorità capofila del FSE in Italia, è titolare del:

       
      Entrambi i PON rispondono alla necessità di creare un intervento unitario nelle politiche della formazione, del lavoro e dell’inclusione, in sinergia con le attività dei POR.
       
       

      Il Ministero dell’istruzione, università e ricerca è titolare del PON “Competenze per lo sviluppo” che sostiene l’innovazione del sistema di istruzione e formazione, per ottenere una maggiore partecipazione all’istruzione e alla formazione e migliorarne la qualità, e promuove l’efficienza amministrativa del sistema dell’istruzione.