Logo EuropaLavoro Unione Europea FSE Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Home Europalavoro
  • European Qualifications Framework: Accordo raggiunto fra il Governo e le Regioni

    ​Con l'Accordo sottoscritto in Conferenza Stato-Regioni il 20/12/2012 è stato adottato il "Primo rapporto italiano di referenziazione delle qualificazioni al Quadro Europeo delle qualificazioni "(EQF), istituito con la Raccomandazione del Parlamento europeo e del Consiglio del 23 aprile 2008.
    L’Italia risponde così alle sollecitazioni rivolte dall’Unione europea ai Paesi membri affinché i cittadini abbiano l’opportunità di dare visibilità ai propri percorsi formativi e le esperienze di vita e di lavoro nell’intero territorio comunitario, secondo uno schema condiviso da tutti i paesi.
    Il Rapporto, che colloca i titoli di studio e professionali italiani nell'ambito degli otto livelli previsti dal Quadro Europeo, è stato curato da un Gruppo Tecnico di lavoro nel quale erano rappresentati il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, il Ministero dell'Istruzione, Università e Ricerca, il Dipartimento delle Politiche Europee e l'Isfol, Punto nazionale di coordinamento EQF Italia. Alla stesura definitiva si è giunti d'intesa con le Regioni, dopo un confronto con le Parti Sociali e una consultazione pubblica nazionale on-line. La fase di elaborazione ha coinvolto anche cinque esperti provenienti da istituzioni di altri Paesi europei.
    L’EQF è uno schema di riferimento che ‘traduce’ i quadri delle qualificazioni e i livelli di apprendimento dei diversi paesi per renderli più leggibili. Si tratta di una meta-struttura rispetto alla quale gli Stati membri sono chiamati, su base volontaria, a collegare i propri sistemi di istruzione e formazione, in modo da referenziare agli otto livelli del quadro comunitario tutti i titoli di studio e le qualificazioni professionali rilasciati in ciascun Paese. Il Quadro si applica a tutte le qualificazioni: da quelle ottenute in un percorso scolare obbligatorio, ai livelli più alti di istruzione e formazione. Il Rapporto sarà ufficialmente presentato alla Commissione europea nel mese di maggio 2013 e sarà aggiornato a cadenza annuale, al fine di estendere progressivamente la referenziazione EQF ad ulteriori tipologie di qualificazioni.