Logo EuropaLavoro Unione Europea FSE Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Home Europalavoro
  • Diritto-dovere
    L’obbligo scolastico di cui all'articolo 34 della Costituzione, nonchè l’obbligo formativo, introdotto con la  Legge n. 144 del 17/5/1999 (art. 68) sono stati ridefiniti ed ampliati come diritto all'istruzione e formazione e correlativo dovere con la Legge n. 53 del 2003  e con i successivi decreti attuativi: in particolare, con il Decreto legislativo n. 76/2005, la Repubblica assicura a tutti i ragazzi il diritto all'istruzione e alla formazione, per almeno dodici anni o, comunque, sino al conseguimento di una qualifica di durata almeno triennale entro il diciottesimo anno di età. Infine la legge finanziaria 2007 (legge n. 296/2006) ha innalzato a sedici anni l'obbligo di istruzione e l'età di accesso al lavoro.


    Pertanto il nuovo obbligo di istruzione può essere assolto nel sistema scolastico, nei percorsi di istruzione e formazione professionale di cui al Capo III del D. lgs. 226/2005 o con l’apprendistato per l’espletamento del diritto-dovere (ex art. 48 del D. lgs. 276/2003 e art. 48 della L. 183/2010) e si completa con l’assolvimento del diritto-dovere all’istruzione e alla formazione.
     
    Per disciplinare l’attuazione dell’obbligo di istruzione il Ministero della Pubblica Istruzione ha approvato il D.M. n. 139 del 22/08/2007 che definisce i saperi e le competenze (gli assi culturali) che devono obbligatoriamente essere previsti nei primi due anni di tutti i percorsi formativi di istruzione secondaria superiore.

    Inoltre il Ministero della Pubblica Istruzione di concerto con il Ministero del Lavoro ha adottato, con D.I. del 29/11/2007, i criteri generali per l’accreditamento delle strutture formative che realizzano percorsi di istruzione e formazione professionale, i criteri per il riparto dei contributi statali e le misure di sistema per l’attuazione dell’obbligo d’istruzione. Il citato decreto è stato successivamente inserito nell’Intesa del 20/03/2008 tra il MLPS, il MPI, il MIUR, le Regioni e le Province Autonome di Trento e Bolzano che definisce gli standard minimi del nuovo sistema di accreditamento delle strutture formative per la qualità dei servizi.
     
    Il 29 aprile 2010 è stato siglato l'Accordo tra il MIUR, il MLPS, le Regioni e le Provincie Autonome di Trento e Bolzano che da avvio alla messa a regime del sistema di Istruzione e Formazione Professionale attraverso la definizione di 21 figure nazionali di riferimento rispettivamente per percorsi di durata triennale (qualifiche) e quadriennale (diplomi).

    Il 27 luglio 2011 è stato siglato l'Accordo tra il MIUR, il MLPS, le Regioni e le Provincie Autonome di Trento e Bolzano riguardante gli atti necessari per il passaggio a nuovo ordinamento dei percorsi di istruzione e formazione professionale che completa la descrizione delle figure nazionali di riferimento dei percorsi triennali e quadriennali, definisce i criteri metodologici di descrizione e aggiornamento periodico degli standard minimi formativi, nonché i modelli e le relative note di compilazione di attestato di qualifica e diploma professionali e di attestazione intermedia.
     
    Il 27 luglio 2011, inoltre, è stato siglato l'Accordo in Conferenza Unificata che classifica per aree professionali l’offerta del sistema di istruzione e formazione professionale.


    Normativa e documentazione