Logo EuropaLavoro Unione Europea FSE Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Home Europalavoro
  • Collocamento obbligatorio
    La legge stabilisce che tutti i datori di lavoro che collochino più di 15 dipendenti siano obbligati a riservare una quota delle proprie assunzioni a persone diversamente abili.
    Le persone in età lavorativa e in stato di disoccupazione, affette da minorazioni fisiche, psichiche o sensoriali e portatori di handicap intellettivo, che comportino una riduzione della capacità lavorativa superiore al 45%, possono richiedere l'inserimento del proprio nominativo nelle liste dell'Ufficio di collocamento obbligatorio, gestito su base provinciale presso i Centri per l’Impiego​.
    Questo servizio è riservato alle seguenti categorie di disoccupati:
    • disabili
    • persone in età lavorativa affette da minorazioni fisiche, psichiche o sensoriali e portatori di handicap intellettivo, che comportino una riduzione della capacità lavorativa superiore al 45%
    • persone invalide del lavoro con un grado di invalidità superiore al 33%
    • persone non vedenti o sordomute
    • persone invalide di guerra, invalide civili di guerra e invalide per servizio
    • altre categorie
    • orfani e coniugi superstiti di coloro che siano deceduti per causa di lavoro, di guerra o di servizio
    • soggetti equiparati (i coniugi ed i figli superstiti di soggetti riconosciuti grandi invalidi per causa di servizio, di guerra, di lavoro)
    • profughi italiani rimpatriati e vittime del terrorismo  
    La documentazione richiesta può variare in base alle diverse esigenze degli uffici del collocamento obbligatorio ed è inoltre soggetta a disposizioni regionali e locali che possono differenziarsi sul territorio.